Menu Chiudi

MUCHETTI: PER SANPOLINO MANCA L’IMPEGNO DELLA GIUNTA PER LA FARMACIA

Riceviamo dal Consigliere Comunale del PD Valter Muchetti la seguente lettera che pubblichiamo.

“Nell’ultimo consiglio comunale si è votato la rivisitazione della pianta organica delle farmacie di Brescia.
In premessa , tra i motivi della rivisitazione dei confini , viene citato il nuovo quartiere di San Polo ( quindi Sanpolino). Purtroppo nei fatti , il nuovo quartiere resterà scoperto, visto che alla fine si è deciso di identificare un’altra zona per il nuovo insediamento.
L’avvenimento prende toni ridicoli , visto il precedente annuncio , proprio in consiglio comunale del Presidente della Circoscrizione Garzetti , nella sua unica comparsa annuale , cioè in occasione della relazione annuale delle circoscrizioni: annuncio che prevedeva l’apertura di una nuova farmacia in questa zona.
Un altro flop !
Come Partito Democratico , abbiamo segnalato la cosa sia in Commissione Consiliare , con l’approvazione dell’Assessore Taurisano, nella speranza che la delibera potesse tenere conto anche di questo . Era presente anche il Presidente dell’ordine dei farmacisti che confermava che i numeri c’erano per un nuovo insediamento: in Consiglio Comunale ci siamo fatti carico di presentare una Raccomandazione , che allego , che avrebbe impegnato la Giunta ad attivare , SOLO ED ESCLUSIVAMENTE, le procedure amministrative , sollecitando Regione e Provincia .
Lo strumento della raccomandazione serve a poco , ma serve come impegno morale nei confronti della Giunta: purtroppo questo impegno non è stato preso e la raccomandazione bocciata dalla maggioranza ! Bastava poco !!”

Ed ecco il testo della proposta di decentramento farmacie del PD:

La Giunta comunale propone al Consiglio l’adozione della sotto riportata deliberazione.

Il Consiglio comunale. Premesso che la legislazione vigente in materia di sedi farmaceutiche prevede quanto segue:

– art. 1, comma 2, della L. 2.4.1968 n. 475: il limite massimo delle autorizzazioni è di una farmacia ogni 4.000 abitanti nei Comuni con popolazione superiore a 12.500 abitanti; ogni Comune deve avere una pianta or-ganica delle farmacie nella quale è determinato il nu-mero, le singole sedi farmaceutiche e la zona di cia-scuna di esse;
– art. 1 del regolamento di cui al D.P.R. 21.8.1971 n. 1275: la revisione della pianta organica avviene senti-to il consiglio comunale interessato, tenuto conto di nuove esigenze dell’assistenza farmaceutica determinate da spostamenti avvenuti nella popolazione che determi-nano l’esigenza di rivedere le circoscrizioni delle sedi;

– art. 2 della L.R. 25.5.1983 n. 46: la Giunta Regionale esercita le funzioni amministrative concernenti la revisione della pianta organica delle sedi farmaceutiche;

– art. 5 della L. 8.11.1991 n. 362: le Regioni, sentiti il Comune e l’ASL competente per territorio provvedono alla nuova determinazione della circoscrizione delle sedi farmaceutiche quando risultino intervenuti muta-menti nella distribuzione della popolazione del Comune;

Preso atto che, con D.g.r. 21.5.2004 n. 7/17629, la Regione Lombardia:

1. accoglieva la proposta di revisione della pianta organica delle sedi farmaceutiche del Comune di Brescia, nella parte riferita alla:
– richiesta di ripartizione del bacino d’utenza della sede farmaceutica n. 35, trasferita a S. Polo, tra le sedi farmaceutiche n. 36 e 37;
– richiesta di rettifica di un errore, contenuto nel precedente provvedimento di revisione della pianta organica, nella descrizione dei confini della sede
farmaceutica n. 26: il termine «Vicolo Stazione lato sud» viene sostituito con il termine «Viale Stazione lato sud»;
2. non accoglieva la richiesta di ridelimitazione territoriale della sede n. 25, in considerazione del parere negativo espresso dal Direttore generale dell’A.S.L. della provincia di Brescia e delle osservazioni presentate in merito, rispettivamente, dal titolare e dal legale rappresentante delle sedi farmaceutiche n. 5 e n. 17;

3. accoglieva la proposta formulata dal Direttore generale dell’A.S.L. della provincia di Brescia, nella parte in cui sottolineava l’opportunità di procedere ad una re-visione dell’attuale suddivisione territoriale delle sedi farmaceutiche, sulla base dei criteri contenuti nell’art. 5 della L. n. 362/1991 (decentramento delle farmacie), in considerazione degli intervenuti mutamenti nella distribuzione della popolazione del comune;

4. invitava il Comune di Brescia, in stretta collaborazio-ne con l’A.S.L. e l’Ordine provinciale dei farmacisti, competenti per territorio, ad avviare una procedura congiunta per la rielaborazione di un progetto di de-centramento urbanistico delle farmacie nel territorio comunale, che tenesse in considerazione, tra l’altro, le esigenze rappresentate dal dott. Sozzi, titolare della sede n. 25;

Precisato:

– che con propria deliberazione 26.5.2006 n. 113, in at-tuazione di quanto sopra esposto, procedeva ad approva-re il progetto di decentramento delle sedi farmaceuti-che individuando una nuova sede dallo scorporo degli ambiti territoriali delle sedi nn. 27 e 35;
– che la Regione Lombardia, con nota in data 19.7.2006, richiedeva alcune precisazioni da approvarsi mediante deliberazione del Consiglio comunale in relazione alla deliberazione di cui sopra;
– che con nota in data 13.9.2006 la Regione Lombardia ri-chiedeva al Comune di pronunciarsi rispetto alle con-trodeduzioni presentate dalla dott.ssa Acuto titolare della sede n. 35;

– che con nota in data 9.12.2009 il Responsabile del Set-tore Segreteria generale procedeva a comunicare alle parti interessate l’avvio del procedimento per l’elaborazione di un progetto di decentramento in modi-fica della propria deliberazione 26.5.2006 n. 113;

– che con nota in data 11.1.2010 la dott.ssa Carla Acuto titolare della sede 35 presentava le proprie osserva-zioni;

Ritenuto, a seguito delle riunioni di carattere tecnico cui hanno partecipato rappresentanti del Comune, dell’A.S.L. e dell’Ordine dei farmacisti, tenutesi nel cor-so del 2010, in cui sono state analizzate le situazioni complessive della zona interessata dalla revisione della pianta organica, nonché le relative composizioni demografi-che e prese in considerazione le osservazioni avanzate dal-la dott.ssa Acuto, di formulare una proposta di decentra-mento territoriale consistente nella individuazione di una nuova determinazione della circoscrizione di sede farmaceu-tica con ambito territoriale, come indicato nell’allegato elaborato tecnico, mediante scorporo dagli ambiti territo-riali delle sedi farmaceutiche n. 27 della dott.ssa Ragaz-zoni e n. 35 della dott.ssa Acuto, a modifica di quella de-finita con propria deliberazione 26.5.2006 n. 113;
Rilevato come tale revisione nella circoscrizione delle sedi farmaceutiche corrisponde ad una più razionale distribuzione dei punti vendita nel bacino di utenza, tenu-to conto in particolare della popolazione residente, al fi-ne di garantire una migliore assistenza;
Visto il parere favorevole in ordine alla regola-rità tecnica espresso in data 1.4.2011 dal Responsabile del Settore Segreteria generale e dato atto che il presente provvedimento non necessita del parere di regolarità conta-bile ai sensi dell’art. 49 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali approvato con D.Lgs. 267/2000;
Dato atto che la commissione consiliare “politi-che della sicurezza, vigilanza, decentramento e partecipa-zione” ha espresso in data 8.6.2011 parere favorevole in merito al presente provvedimento;
d e l i b e r a
di approvare, in base alle disposizioni della Giunta regio-nale del 21.5.2004 n. 7/17629, il progetto di decentramento delle farmacie nel territorio comunale individuando una nuova delimitazione della circoscrizione di sede farmaceu-tica mediante scorporo degli ambiti territoriali delle sedi farmaceutiche nn. 27 e 35, così come risultante dall’allegato elaborato, a modifica della propria delibera-zione 26.5.2006 n. 113, richiedendo pertanto, alla Regione Lombardia la revisione della pianta organica delle sedi farmaceutiche operanti sul territorio del Comune.

Ma allora i numeri per un servizio di Farmacia a Sanpolino ci sono o no? Alla luce di queste informazioni forse vale la pena di approfondire l’argomento e ci torneremo nei prossimi giorni valutando insieme i bacini di utenza sul territorio della Circoscrizione Est.

Condividi l'articolo su Facebook e Twitter